Al posto della coscienza personale e solitaria che ha ora in sè stesso, potrà l’uomo mai acquisire una coscienza generale, che lo renderà sempre consapevole del fatto che era una parte di un grande tutto spirituale?